Pubblicato in: LETTERATURA FANTASY

Un lavoro sporco, Christopher Moore

71JaadgQJ+LTitolo: Un lavoro sporco

Autore: Christopher Moore

Casa Editrice: Elliot Edizione , Edizione © 2007

Pagine: 378 pagine

Prezzo:  € 9.90

Valutazione: ✓✐✐✐✐

Note: Primo libro, prequel di Anime di seconda mano

 


 

Trama: Charlie Asher è contento, felice, appagato. Una bella moglie in attesa di un figlio. Un negozio di roba usata. Amici con i quali scambiare le solite quattro chiacchiere. Un’esistenza tranquilla. Quando l’adorata Rachel perde la vita dando alla luce la dolce Sophie, la situazione prende decisamente una brutta, bruttissima piega. Charlie, distrutto, inizia a vedere persone e oggetti che non dovrebbero esserci. Che non dovrebbero esistere. Un uomo altissimo color verde menta che appare e scompare a proprio piacimento. Enormi volumi usciti dal nulla che luccicano e si aprono su pagine dense di segreti sull’aldilà. Messaggi misteriosi conditi da teschi e ossa. Corvi spettrali che svolazzano in ogni dove. Conoscenti, amici o perfetti sconosciuti che cominciano a morire. I casi sono due: o Charlie sta impazzendo o qualcosa, qualcuno, l’ha scelto per una missione neppure troppo piacevole. Qualcuna, più precisamente, con tanto di falce e sudario nero vuole essere sostituita o aiutata.


 

Recensione:  

 

<<E così, sarei una specie di Aiutante della Morte? Stile Aiutante di Babbo Natale? >> chiese Charlie, agitando la tazza. L’uomo in verde gli aveva slegato il braccio, per permettergli di bere il suo caffè, e lui a ogni movimento batteva il pavimento del magazzino.

 

Charlie Asher è un maschio beta, almeno così si reputa (come molti uomini) quando in realtà è uno sfigato da paura. Charlie Asher nonostante questo ha una moglie splendida di nome Rachel, un figlio in arrivo ed è il proprietario di un negozio di oggetti di seconda mano ereditato da suo padre.  Ha una vita ordinaria almeno fino a quando non si trova a doversi prender cura di una bambina, Sophie, di pochi mesi senza più l’adorata moglie che muore prematuramente.

Come se la vita non fosse già schifosa, dopo aver perso la persona amata, il nostro protagonista improvvisamente si ritrova a vedere oggetti illuminati di rosso e persone che non dovrebbero esserci. Le opzioni sono due: o quello che vede è un effetto collaterale dei tranquillanti che prende, oppure sta totalmente impazzendo. Dopo aver cercato di uscire, senza successo, da quella situazione, inizia il suo secondo lavoro di Mercante di Morte.  La compagnia di corvi che svolazzano nel cielo di San Francisco, donne infernali che lo seguono attraverso i tombini e due particolari tate della piccola Sophie renderanno il suo compito, e la sua vita, alquanto movimentati.

“Un lavoro sporco” è un romanzo originale, oltre ad essere anche uno dei più surreali e dissacranti che abbia mai avuto il piacere di leggere. Christopher Moore è riuscito a scrivere un romanzo mortalmente ironico e totalmente visionario, sapendo esattamente di cosa scrivere e riuscendo a rivoluzionare il genere fantasy in una chiave più horror, ma molto divertente. I temi sono sempre gli stessi: la guerra tra il bene e il male, l’amore, l’amicizia, però tutti questi elementi sono visti in chiave molto diversa rispetto a quello a cui siamo abituati ed è il motivo che rende il libro meritevole di una chance.

I personaggi sono ben descritti e la narrazione scorre veloce.
Mi sento di citare alcuni personaggi secondari che ruotano intorno alla vita di Charlie e che danno un tocco in più all’intera storia: la sorella lesbica Jane che usa suo fratello principalmente per il suo armadio e che mi ha fatto sganasciare dalle risate, la piccola Sophie che non si può non adorare fin da subito e poi la mitica Lily. Tutti, ad un certo punto della vita, avremmo bisogno di un’amica come lei.

Questo romanzo vi terrà compagnia in serate particolarmente noiose o infiniti viaggi sui mezzi pubblici. Vi farà certamente ridere e dopo un inizio lento arriverete alla fine delle trecentosettantotto pagine con il fiato sospeso per un finale non scontato che vi farà venire voglia di comprare subito il seguito.

© Rossella Zampieri

 

 

 

 

Pubblicato in: Senza categoria

Replay: una vita senza fine – Ken Grimwood

2464503

Titolo:  Replay: una vita senza fine – Un’altra occasione per vivere [Replay]

Autore: Ken Grimwood

Casa Editrice: Fanucci, 2007 – Sperling & Kupfer , 1996

Pagine: 325 pagine

Prezzo: €15,00

Valutazione: ✓✐✐✐✐✐.


Trama: Che cosa accadrebbe se fosse possibile rivivere la propria vita all’infinito? Jeff Winston, quarantatré anni, intrappolato in un matrimonio insoddisfacente e in un lavoro noioso, muore nel 1988 per risvegliarsi nel suo passato, diciottenne, nella sua stanza della Emory University. Tutto è come l’ha vissuto… ma con una sola, cruciale differenza, lui sa già cosa gli riserva il futuro: conosce i risultati degli eventi sportivi, l’andamento della borsa e gli eventi storici che segneranno l’umanità in quegli anni. Jeff può scegliere di cambiare tutto della propria esistenza: amore, figli, lavoro, guadagni, quello che vuole. Ma in nessun modo riesce a comprendere per quale motivo sia proprio lui destinato a rivivere di continuo la sua vita… Quante volte dovrà continuare ad avere – e poi, inesorabilmente, a perdere – tutto ciò che ama?


Recensione:

Questo romanzo, vincitore del World Fantasy Award nel 1988, è come un mandala, come un infinito cerchio della vita. Ed è splendido, fin dalla prima “replica”, come vengono chiamate le reiterazioni della vita del protagonista, non si riesce a staccare il muso dal libro.

Ed è inoltre, un viaggio nel tempo dentro ad una storia di viaggi nel tempo. Sì, perché il ciclo della replica inizia nel 1963 e finisce nel 1988, con tutti gli avvenimenti del periodo. Con la nascita dei computer, con la morte di Kennedy, con l’ascesa di Steven Spielberg e i grandi interrogativi che incominciavano a nascere, la questione mediorientale, l’inquinamento e la libertà di parola.

Insomma, un romanzo di genere fantastico. Non credete? Sì, è anche quello.

In fondo, però, tutto il romanzo ruota sul senso della vita, su quello che conta veramente, sull’amore come tramite per la vera trascendenza. Parla di solitudine, di alienazione, di segregazione e di sentimenti negati.

Parla di rapporti che prescindono il tempo e lo spazio, parla di trovarsi e lasciarsi, prendere quello che si può e lasciare andare il nostro io di ieri.

Perché ogni cosa esistente è impermanente, anche per chi ripete.

Il romanzo venne edito in Italia una prima volta da Sperling & Kupfer nel 1996 con il titolo “un’altra occasione per vivere” e poi riedito da Fanucci nel 2007 con il titolo “Replay: una vita senza fine”, il suo autore, perché il destino è infimo e beffardo, è morto, nel 2003, di attacco cardiaco proprio come il suo stesso protagonista.

© Bianca Casale