Pubblicato in: segnalazioni

Segnalazione: The Monster Circus, Valentina Palomba

“Venite, grandi e piccini,
ci saranno gli omini;
di magie e mostri vedrete
e siam certi ne racconterete.”

Cadde il tramonto, venne la sera,
e col circo parve leggera.

Il mattino arrivò
e l’entusiasmò recò:
di certo sarebbe stata
una splendida giornata.

La particolarità di questo romanzo è la rima baciata ed il genere è il dark fantasy in filastrocca.
Ne avevate mai sentito parlare? Noi no ed è per questo che segnaliamo con piacere questo romanzo. Potrebbe essere quello che mancava?

Casa Editrice: Bré Edizioni | Prezzo: € 13,00 | Data di pubblicazione: 10 agosto 2020

Quarta di copertina: William è il Dottore di un fantomatico paese che potrebbe essere il vostro. Abituato a essere qualcosa, vive la propria vita dimenticando di essere qualcuno. L’arrivo in paese del circo porta in lui uno sconvolgimento, è affascinato da una mitologica figura, la Diva, metà donna e metà mostro, una moderna arpia, affascinante quanto pericolosa, anche perché doppia: sono due donne racchiuse in una. Costei cela un segreto e da quel momento William non si dà pace fino a che non lo svelerà. Nel frattempo si accorge di una tremenda affinità con queste figure del circo, comprende come siamo più mostri che animali. Il Dottore, abituato ad approcciarsi con pazienti e malattie, scopre presto che in quella loro diversità non c’è nulla di anomalo, ma che anzi, lui ne è parte! E insegnerà che a esser diversi non si fa torto a nessuno, e si può scoprire un mondo fantastico che affascinerà anche voi. Benvenuti al circo! Anche se dei mostri! (Tenetevi stretti i vostri bambini)


Dicono dell’autrice.

Valentina Palomba nasce a Genova nel 1991. Parrucchiera di professione, amante degli animali e avida lettrice, ha sempre covato la passione della scrittura.
Scrive per diletto, per dar forma e carattere a un mondo interiore basato sul genere fantasy che lei ama.
Da piccoli racconti tenuti nel cassetto, scopre strada facendo le filastrocche, principalmente per adulti, al cui interno vi è sempre un messaggio di accettazione della diversità e di rispetto verso il mondo.